Il contributo di Maria Teresa Cristofori

Nell'ambito della presentazione delle Province, Maria Teresa Cristofori ha presentato due sue composizioni. Ve le riproponiamo:

LO GRANNE E LO CIUCO  (L’ANZIANO E IL RAGAZZO)
                   (Poesia in dialetto caprolatto)
Caro fiarello de Caprarola,
nun tralassà de j sempre a scola,
perché proprio lì tu ha da ‘mparà
a conoscia lo monno e a nun sbaijà!
Nun te fa confonna da chi nun sa gnente,
cresci su sano tra brava gente,
da ‘scorto a nonniti, a tu’ pà’ e a tu’ mà’
e sempre bè’ tu te trovarà!
Studia e lavora e nun te stufà,
chi legge e scrive ‘mpara a ragionà
e a far der male nun se fa trascinà.
Le cose bone e belle cerca sempre de ‘pprezzà,
all’aria aperta vattene a ruzzà,
ama l’amici e la conversaziò,
e nun fatte lavà lo cervello,
da chi te vò’ fa da patrò.



 NULLA E TUTTO
Ero annientata
dalla mia piccolezza.
Non sapevo che farne,
era duro doverla trascinare
nel vortice del tempo.
Ad un tratto, però,
ho scoperto un segreto:
mi sono aperta a Te,
a Te, mio Dio, ho donato
il mio umile, povero nulla
e, totalmente ,mi son sentita
trasformata
in novella creatura.
Il mio misero niente si è elevato
ad una dolce visione sconfinata,
dove non son più tenebre oscure,
ma luce, luce abbagliante,
che la notte
fa chiara più del giorno.
Signor, quanto sei grande,
Signor, quanto sei buono!
Il “nulla” io ti ho dato,
e,  Tu,
m’hai regalato
l’infinito .



         Maria Teresa Cristofori   - (CAPRAROLA)



Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.