Il Pastore che salva è Colui che crea

MEDITIAMO CON P. JOSEPH HEIMPEL
Domenica IV di Pasqua Anno C,  17 aprile ’16

[Gv 10,27-30] In quel tempo, Gesù disse: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano. Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola»

Nella quarta domenica di Pasqua, “Domenica del Buon Pastore”, la Chiesa celebra la Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni di speciale consacrazione. Chiediamo al Signore Risorto, il Buon Pastore, nuove sante e ferventi vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata.

Il brano di Giovanni di quest’anno liturgico C è molto breve. Tuttavia, come vale generalmente per il IV Vangelo, è una fonte abbondantissima, inesauribile di contemplazione del mistero di Cristo.
Ovviamente, il testo dei vv. 27 – 30 suppone il v. 11 precedente nel capitolo X: «Io sono il Buon Pastore…». A differenza dei “mercenari”, ai quali non importano le pecore, ma se ne approfittano per soddisfare i loro interessi (v. 13), il Buon Pastore ama le sue pecore, e queste rispondono alla sua amorevole cura. Merita approfondire un po’ alcuni vocaboli, che compaiono nella pericope. Questi esprimono intanto il rapporto tra il Buon Pastore: Gesù Cristo, e le pecore: i credenti in Lui; e poi illuminano la relazione di Gesù con il Padre.
«Le mie pecore ascoltano la mia voce…». S’esprime l’atteggiamento fondamentale, di fede, per entrare in comunicazione con Dio. Diversamente dai farisei e dai Sommi Sacerdoti, che interrogano Gesù per accusarlo, le pecore ascoltano Gesù con il desiderio di udire la sua voce e di obbedire ad essa. I cristiani si caratterizzano proprio per questo “ascoltare”, “audire”, quale obbedienza “ex animo” ai precetti del Vangelo. La fede o l'incredulità di una persona non dipende da un destino predeterminato, ma da una scelta personale.
«Io le conosco…». Il Buon Pastore conosce le sue pecore, di una conoscenza che scaturisce dall’amore e s’identifica con esso. Infatti, l’amore e la conoscenza biblica si sostengono a vicenda e costituiscono il rapporto personale che diventa comunione, Chiesa su tutti i piani del vissuto umano.
«...ed esse mi seguono». Le pecore seguono il Buon Pastore per libera scelta, perché sentono l’amore del Pastore - e non per costrizione, come al mercenario, che li spinge con violenza. La spontanea, libera sequela delle pecore nasce dalla relazione di appartenenza al Buon Pastore – a differenza, sempre, dei mercenari, che ritengono le pecore come loro proprietà privata, privandole dalla loro libertà e dignità (v. 12).
J. Ratzinger scrive a proposito della differenza tra il possedere e l’appartenere: «Nessun uomo “appartiene” a un altro come gli appartiene una cosa. I figli non sono “proprietà” dei genitori; gli sposi non si posseggono vicendevolmente. Ma si “appartengono” in un modo molto più profondo di quanto a uno appartenga, per esempio un pezzo di legno o un terreno o qualunque cosa venga chiamata “proprietà”. I figli “appartengono” ai genitori e sono tuttavia creature libere di Dio, ciascuno con la propria vocazione, con la sua novità e la sua unicità dinanzi a Dio. Essi si appartengono… proprio per il fatto che accettano la libertà dell’altro e si sostengono a vicenda nell’amore come nella conoscenza – al tempo stesso liberi e una cosa sola in questa comunione per l’eternità» (J. Ratzinger Gesù di Nazaret, vol I p. 325s.). È quel appartenersi nella conoscenza e nell’amore, che crea l’armonia, la pace, la comunione nella famiglia, nella città civile e nella Chiesa.
Il rapporto di comunione e di appartenenza tra i credenti scaturisce quindi dall’appartenenza al Buon Pastore. Essa ha un prezzo – alto -, che il Buon Pastore ha pagato, per le sue pecore: «Io do loro la vita eterna…». L’espressione rievoca ancora i versetti 11 e 14 precedenti del cap. X: «Il Buon Pastore dà la propria vita per le pecore…». La vita eterna è Dio stesso, che il Buon Pastore dona, quando muore in croce per le sue pecore.
«Non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano » Il Buon Pastore è il Figlio di Dio a cui il Padre ha dato in mano ogni cosa (Gv 3,35). Chi segue Cristo, è custodito da Lui; è al sicuro, nessun potere di male può resistere a Dio.
«Nessuno le strapperà dalla mia mano. Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre» La lettura d’insieme dei vv. 28b e 29 offre uno spunto per la contemplazione del mistero di Dio. Compare due volte la parola “mano”, prima in riferimento al Figlio (il Buon Pastore), poi in riferimento al Padre. Il senso - allegorico – dell’immagine sconfina nella profondità infinita della relazione tra Dio Padre e l’Unigenito Figlio. Un S. Agostino ha scalfito alquanto questo mistero, nel suo commento sul Vangelo. Spiega che, in riferimento all'uomo, la “mano” del Buon Pastore e la “mano” del Padre coincidono. Essa significa l’opera creatrice e salvatrice di Dio (cfr. Gn 2,7; Mc 7,32; Gv 9,6 passim). Ma in riferimento a Dio, l'immagine esprime il rapporto del Padre col Figlio: «E' forse una sola la mano del Padre e quella del Figlio, oppure il Figlio stesso è la mano del Padre suo? Se per mano intendiamo la potestà, unica è la potestà del Padre e del Figlio, perché unica è la divinità; se invece per mano intendiamo ciò che dice il profeta: Il braccio del Signore a chi è stato rivelato? (Is 53, 1), la mano del Padre è il Figlio. Il che non significa che Dio abbia forma umana, e perfino membra corporee; ma che per mezzo di lui furon fatte tutte le cose» (In Io Evang. Tr 48,7).
E sempre sulla scia di S. Agostino, S. Giovanni della Croce ha descritto, come il credente percepisce misticamente questa divina mano, che lo custodisce: «Questa mano, torno a ripetere, simboleggia il Padre celeste, ricco di misericordia e onnipotente. È da notare che se essa è tanto generosa e munifica quanto potente e ricca, i doni che essa offrirà, allorché si aprirà per concederli all’anima, saranno ricchi e valenti... Mi hai ferito per guarirmi, o mano divina! Hai ucciso in me ciò che mi teneva nella morte! Ero allora privo della vita di Dio, in cui ora, invece, mi trovo a vivere! Debbo questo favore alla [liberalità] della tua generosa grazia, che hai riversato su di me quando mi ha fatto sentire il tocco di Colui che è irradiazione della tua gloria e impronta della tua sostanza (Eb 1,3), cioè il tuo Figlio unigenito, nel quale, come tua Sapienza, tu tocchi da un confine all’altro della terra con forza (Sap 8,1). È lui, il tuo Figlio unigenito, o mano misericordiosa del Padre, il tocco delicato...» (Fiamma d'amor viva II, 16).
«Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola» Gli ultimi due versetti offrono ancora una chiave, per evitare concetti falsi sulla Trinità divina. «Siamo...», al plurale, dice la relazione tra Padre e Figlio: il Padre precede il Figlio, generandoLo dall'eternità e comunicandogli la sua Natura divina: Il Padre è “più grande” in ordine di relazione. In ordine di natura il Padre e il Figlio sono «...una cosa sola»: la Natura divina è comune tra il Padre e il Figlio: il Padre ha donato ogni cosa al Figlio, vale a dire, ha donato la sua stessa Divinità al Figlio.

In altre parole, il Padre rappresenta la volontà d'amore che crea e salva. Il Figlio impersona l'obbedienza d'amore, che si manifesta nella creazione e nella salvezza eterna dei credenti. Gesù Cristo realizza la volontà salvifica del Padre: «E questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma che lo risusciti nell’ultimo giorno. Questa infatti è la volontà del Padre mio: che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno» (Gv 6,39s.). A loro volta i credenti attuano la comunione d'amore con il Padre con l'obbedienza ai comandamenti di Cristo (cfr. Gv 14,15ss.). 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.