"Il Carmelo mi ha detto che..." . Lettera agli amici dei frati carmelitani

Grazie all'impegno di Rossana Sabatiello e alla traduzione della Prof. Cristina Consiglio dell'Università di Bari vi proponiamo la Lettera agli amici dei frati carmelitani della Provincia di Avignone-Aquitania.

Cari amici,
la preghiera prolunga l’amicizia con Cristo Gesù nata con la comunione eucaristica: ci permette di gustare Dio, di assaporare la presenza di Colui che già dimora nella nostra anima in virtù del battesimo. Per farsi più vicini all’Amico divino, alcuni di voi desiderano prendere parte alle scuole di preghiera carmelitane, altri le creano nelle loro parrocchie. Per altri ancora questo unico approccio, pur bello e meritevole in sé, non sazia il loro desiderio di Dio. Vogliono di più: desiderano stabilire una comunione più stretta con i loro fratelli carmelitani e con le loro sorelle carmelitane, godere di una parte più grande dei beni spirituali del Carmelo ed essere infine coinvolti in modo più profondo, senza riserve, alla missione della Chiesa nel mondo. Lo Spirito di Gesù Cristo soffia su di loro queste parole: «Maestro buono, cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?» (Lc 18,18) o ancora: «Maestro, dove abiti?» (Gv 1,38).
Il Carmelo ha tre rami e uno di loro, ancora troppo poco conosciuto e tuttavia molto vivo, è probabile possa unire in sé la loro triplice aspirazione e li possa aiutare a rispondere ai richiami insistenti dello Spirito Santo. È il Carmelo secolare, comunemente noto con le sue iniziali: l’O.C.D.S.[1] In queste pagine, attraverso testimonianze e brevi analisi, vogliamo descrivervi le sue caratteristiche principali come farebbero degli amici che testimoniano quanto hanno di più caro e, inoltre, con molta semplicità, offrirvi l’occasione di un primo discernimento.
Amici, «venite (leggete) e vedrete» (cf. Gv 1,39)…
A nome dei membri dell’O.C.D.S. della provincia di Avignone-Aquitania,
Fra Benoit-Marie di Gesù Bambino (Montpellier)

Per leggere il documento clicca qui


[1] Ordine Secolare dei Carmelitani Scalzi (O.C.D.S.), l’antico terz’ordine. 


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.