Alla scoperta dell'arte e della storia del Carmelo



Alla presenza di un gruppo di fedeli a cui si sono aggiunti alcuni carmelitani secolari provenienti dalle fraternità di Torre del Greco, di Lago Patria e di Napoli (Ponti Rossi) si è svolto l' itinerario artistico-spirituale  all’interno di  una delle più belle chiese dedicate a Teresa di Gesù. La più antica per precisione, poiché il progetto per la sua costruzione (terminata intorno al 1650) risale alla fine del 1624, due anni  dopo la canonizzazione della santa madre Teresa. La storia della chiesa di Chiaia, gioiello del barocco napoletano,è stata illustrata da p.Vincenzo Cuciniello ocd, da sei anni priore della Comunità. Il commento artistico l'ha curato p. Arturo Beltran, ocd e quello spirituale p. Daniele Lanfranchi ocd, con il commento di alcuni secolari della fraternità di S. Teresa. L’incontro è stato ideato per guidare i visitatori a scoprire non soltanto la bellezza dell’architettura, delle sculture e delle opere pittoriche; ma anche il loro significato spirituale che aiuta a familiarizzare con la  storia e la sensibilità carmelitana di Teresa d’Avila, di Teresa di Gesù Bambino, di San Giovanni della Croce, della Beata Giuseppina di Gesù Crocifisso.
Le opere principali che illustrate da p. Arturo Beltran ocd sono: La statua di Teresa (opera di Cosimo Fanzago) L'infanzia di Maria, Il riposo dalla fuga in Egitto, San Pietro d'Alcantara che appare a Santa Teresa e San Pietro d'Alcantara mentre sta confessando Santa Teresa (opere di Luca Giordano), il Crocifisso di Andrea Vaccaro.